Paolino Vitolo, consulente informatico, webmaster, ITC consultant, giornalista, scrittore. Benvenuti nel sito di Paolino Vitolo
Pagina iniziale
Benvenuti! Articoli Ricerca Racconti Fotografie Siti amici Scrivimi
Stampa
e-mail
e-mail
Condividi:             

Dopo 436 giorni, il 17 novembre 2021,
Romeo è tornato!!!



   

Diari di viaggio

Pubblicata l'edizione riveduta e corretta di un diario di viaggio del 2001: Praga e Vienna con Cae e Ciz!
NON PERDETEVELO!!!

Clic qui per leggerlo...

HERMES

Periodico di cultura e politica diretto da Paolino Vitolo e pubblicato in Palinuro (SA).

Clic qui per leggere tutti i numeri di Hermes...

LIBRI

CARO BASSOLINO
Bassolino ha governato la Campania per tanti anni ed, ora che finalmente siamo riusciti a mandarlo via, ci chiediamo come abbiamo potuto sopportarlo per tanto tempo. Questo libro di alcuni anni fa spiega come lo squallido ma furbo funzionario di una sezione del vecchio PC di Afragola poté usurpare il potere di cui ha goduto. Alle nostre spalle, purtroppo.
Clic qui per leggere il libro...

Il libro è stato edito a cura della rivista "Il Cerchio", come supplemento al numero 16, anno III del novembre 1997.


IL CERCHIO

ATTUALITÀ

Sei Castelli del Cilento

(HERMES on line - 7 gennaio 2022)

Recensione del libro di Maria Luisa Amendola - Il mio primo castello fu il Castel dell’Ovo, quello che tutto il mondo conosce, perché sta al centro della cartolina di Napoli, con il pino, il golfo e il Vesuvio sullo sfondo. Avevo solo tre anni quando la mia mamma mi portava al mare sulla scogliera di Mergellina e da lì vedevo quel castello disteso sul mare come una propaggine della città. Mi chiesi il perché di quel nome così strano e qualcuno mi raccontò che in un’oscura segreta del castello c’era una gabbia appesa al soffitto; nella gabbia era chiusa una caraffa con dentro un uovo vecchio di quasi duemila anni. All’uovo era legato il destino della città: se si fosse rotto, anche Napoli sarebbe stata distrutta. Pensai, e lo penso ancora, che un uovo così vecchio non possa più rompersi. E mi tranquillizzai, ma mi convinsi che ogni castello dovesse avere una sua misteriosa leggenda. ...

Leggi tutto ...


Buon Natale!

(HERMES on line - 23 dicembre 2021)

Non avrei mai pensato che un augurio così semplice e gioioso - oserei dire scontato – come “Buon Natale!” potesse assumere il sapore di una provocazione. Eppure pare proprio di sì: i burocrati della Comunità Europea, sì, proprio quelli superpagati, mediamente inutili, quelli che stabiliscono la dimensione delle vongole ed ammoniscono sui pericoli dell’olio d’oliva, hanno anche raccomandato di non usare il semplice e gioioso augurio che intitola questo pezzo e che rivolgo a tutti voi, miei cari lettori, perché esso potrebbe offendere qualcuno che non crede che il Natale sia il ricordo della nascita di Gesù, o più semplicemente il compleanno del Figlio di Dio, del Messia, di quello che il Signore nella sua infinita misericordia mandò sulla terra, uomo fra gli uomini, per salvarci, per darci la possibilità, se lo vorremo, di redimerci dal peccato e guadagnarci la vita eterna. ...

Leggi tutto ...


Avete rotto...!

(HERMES on line - 10 novembre 2021)

Siamo in pieno autunno, a novembre inoltrato, e, com’è noto, le affezioni virali si ripresentano con i primi freddi: raffreddori, influenze e, purtroppo da un paio d’anni a questa parte, Covid-19. Due anni fa di questi tempi, nel novembre 2019, il Covid-19 era sconosciuto; si cominciava a parlare di una strana malattia virale che era nata in Cina, portata forse dai pipistrelli, ma nessuno se ne preoccupava: la Cina sembrava molto lontana. ...

Leggi tutto ...


La vera Spigolatrice di Sapri

(HERMES on line - 5 ottobre 2021)

L'ormai famosa statua della "Spigolatrice di Sapri", realizzata dallo scultore Emanuele Stifano ed inaugurata nel settembre scorso in quel di Sapri alla presenza nientepopodimenochè dell'ex presidente del Consiglio Giuseppi Conte col codazzo consueto di politici più o meno noti, ha provocato divertenti polemiche. ...

Leggi tutto ...


D10 è morto. Il calcio lo era già

(HERMES on line - 25 novembre 2020)

D10. Si scrive D dieci e si legge Dio. Il più grande calciatore di tutti i tempi è ritornato dal Padre e Gli ha restituito il pallone che Egli gli aveva prestato. Glielo aveva donato sessant’anni fa perché D10 potesse stupire il mondo con le sue magie. Come il secondo gol segnato contro l’Inghilterra nella finale della Coppa del Mondo del 22 giugno 1966, vinta dall’Argentina per 2 a 0. Secondo gol segnato di forza, prepotentemente, per dimostrare al mondo che il primo gol, quello segnato con la mano (la famosa mano de Diòs) era stato solo uno scherzo, uno schiaffo alla prepotenza inglese che aveva voluto togliere all’Argentina le sperdute e inutili isole Malvinas (Falkland per gli inglesi). ...

Leggi tutto ...


Riflessioni sulla Lega Navale Sezione di Palinuro

(HERMES on line - 13 ottobre 2020)

La conferenza stampa, tenuta dal presidente e da alcuni soci della Sezione di Palinuro della Lega Navale Italiana il 28 settembre scorso presso la LNI di Salerno, ha avuto l’effetto di un bel sasso lanciato nello stagno, o meglio nella palude. C’era da aspettarselo e va bene così. La LNI di Palinuro voleva proprio questo: che le acque stagnanti e graveolenti si smuovessero finalmente. ...

Leggi tutto ...


In memoria di un galantuomo

(HERMES on line - 27 dicembre 2019)

Il 27 dicembre 1894, esattamente 125 anni fa, ad Arco di Trento, a quei tempi città non ancora italiana, ma appartenente all’impero austro-ungarico, moriva il signor Fabiani, di appena 58 anni di età. Ad Arco, dove egli si recava periodicamente da Parigi, dove risiedeva, per frequentare le locali terme, tutti lo conoscevano come persona mite e devota. Si recava a Messa tutti i giorni, recitava il Rosario e si accostava quotidianamente al sacramento della Comunione. Sembrava soltanto un uomo comune, una persona qualsiasi, anche se particolarmente religiosa, ma i funerali, le celebrazioni, gli onori che gli furono tributati dopo la morte rivelarono che Fabiani era soltanto un nome fittizio dietro al quale, per innata modestia, si nascondeva ben altro personaggio. ...

Leggi tutto ...


Salviamo il calcio dai prepotenti

(SCRIVONAPOLI - 27 febbraio 2014)

Per essere onesto devo fare innanzi tutto una confessione: io sono un tifoso e per di più della specie peggiore, ciecamente innamorato della mia squadra, in qualunque frangente e in qualunque occasione, sia che vinca sia che perda, sia che giochi nella Champions League sia che giochi in serie C. E la mia squadra è il Napoli.
L’amore nacque, come spesso accade, quando ero bambino, purtroppo ben più di mezzo secolo fa, e non vivevo a Napoli, ma a Spoleto, una splendida cittadina dell’Umbria. E l’amore fu tanto più forte quanto più dovetti sopportare i lazzi dei miei compagni di scuola, del tipo “vedi Napoli e poi muori per la puzza che ci trovi”. Come vedete, dal secolo scorso non è cambiato niente. ...

Leggi tutto ...



Tool per traduzioni di pagine web
By free-website-translation.com